IperTesto Unico IperTesto Unico

Circolare MPI 01.08.1996, n. 444

Insegnamento della lingua straniera nella scuola elementare. Anno scolastico 1996/97.

Con C.M. n. 247 del 17.7.1995, sono state fornite indicazioni attuative per il triennio 1995/96-1997/98 nella predisposizione del piano di sviluppo della lingua straniera e del piano delle attività di formazione e aggiornamento, da correlare all'obiettivo indicato nella medesima circolare. Con successiva nota prot. n. 1678 del 5.9.1995 sono stati definiti alcuni aspetti relativi a modalità e procedure dell'azione delle singole istituzioni scolastiche e degli operatori del settore. In particolare, nella circolare n. 247/95, è stata richiamata l'attenzione delle SS.LL. sulla necessità che nei progetti delle scuole fosse prevista l'utilizzazione di tutti i docenti che avevano concluso o concludevano la formazione entro il 31.12.1995, nonché l'assegnazione, in via prioritaria, dei vincitori del concorso magistrale, che avevano superato le prove facoltative di lingua, agli ambiti comprensivi dell'insegnamento della lingua straniera oggetto delle prove superate.

L'analisi dei dati relativi all'estensione dell'insegnamento della lingua straniera sul territorio, fino ad oggi acquisiti, ha evidenziato che, in alcuni contesti, una notevole percentuale di docenti in possesso della prescritta competenza professionale non opera né come specialista né come specializzato, dando luogo ad una gestione del servizio solo in parte rispondente ai criteri di valorizzazione delle professionalità e di realizzazione degli obiettivi, secondo i principi di economicità, di efficacia e di responsabilità che devono guidare l'attività dell'amministrazione.

È stato rilevato, comunque, che uno dei motivi del mancato, pieno impiego delle risorse di personale dell'insegnamento della lingua straniera è dovuto alla utilizzazione di docenti specialisti nelle scuole in cui pur sono presenti docenti in grado di insegnare la lingua straniera come specializzati.

La C.M. n. 116 del 22 marzo 1996, che fornisce orientamenti per l'organizzazione didattica della scuola elementare, individ

Per proseguire con la lettura è necessario essere abbonati.