Tu sei qui: Home Legislazione e dottrina Indice cronologico 2018 giugno Nota MIUR 06.06.2018, prot. n. 9446
Nota MIUR 06.06.2018, prot. n. 9446 Legislazione e dottrina    

Nota MIUR 06.06.2018, prot. n. 9446

Avviso pubblico per la presentazione di proposte progettuali finalizzate allo sviluppo delle misure e) ed f) previste dal punto 6, dell'allegato A, al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 dicembre 2017 - "Piano triennale delle arti".

Ai sensi del punto 6, dell'allegato A, al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 dicembre 2017 (di seguito denominato "Piano triennale delle arti"), questa Direzione generale ha emanato l'allegato Avviso pubblico che definisce le finalità, i requisiti e le specifiche caratteristiche richieste per le proposte progettuali presentate da istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo di istruzione, anche organizzate in rete, al fine di attuare il "Piano triennale delle arti". L'Avviso ripartisce per ambiti regionali lo stanziamento di euro 2.000.000,00 (duemilioni/00), destinato a finanziare i suddetti progetti per gli anni scolastici 2017/2018 e 2018/2019.

Destinatari

Sono destinatarie del finanziamento istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo di istruzione, anche organizzate in rete.

Finanziamento

Le tabelle A e B, allegate all'Avviso, riportano il piano di riparto dello stanziamento di euro 2.000.000,00 (duemilioni/00) distribuito per ambiti regionali. Il piano di riparto, predisposto anche nell'ottica di assicurare la qualità e l'efficacia delle proposte progettuali, prevede la suddivisione del finanziamento in ragione delle misure e) ed f) e delle corrispettive azioni di cui al punto 5 del "Piano triennale delle arti".

In particolare, per la misura e) è previsto uno stanziamento di euro 700.000,00 ripartiti secondo le seguenti percentuali:

- 60% da destinarsi alle istituzioni scolastiche del primo ciclo, anche organizzate in rete;

- 40% da destinarsi alle istituzioni scolastiche del secondo ciclo, anche organizzate in rete.

Per la misura f) è previsto uno stanziamento di euro 1.300.000,00 ripartiti secondo le seguenti percentuali:

- 60% da destinarsi alle istituzioni scolastiche del primo ciclo, anche organizzate in rete;

- 40% da destinarsi alle istituzioni scolastiche del secondo ciclo, anche organizzate in rete.

Nel riparto della somma, al fine di consentire il finanziamento di più proposte progettuali nei diversi contesti territoriali di ciascuna regione, sono state attribuite:

- una quota fissa di risorse per le istituzioni scolastiche del primo ciclo e una per le istituzioni scolastiche del secondo ciclo, distinte per le due misure;

- una quota variabile delle stesse risorse assegnata sulla base del numero degli allievi presenti in ciascuna regione.

Il costo unitario di ogni proposta progettuale non deve essere inferiore a euro 2.000,00 e non deve superare euro 10.000,00.

Finalità

I progetti delle istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo di istruzione, o loro reti, sono finalizzati a garantire la possibilità di accesso alla cultura umanistica e al sapere artistico, a sostenere la conoscenza storico-critica del patrimonio culturale e l'esperienza diretta delle sue espressioni, anche attraverso le collaborazioni delle istituzioni preposte alla sua tutela, gestione e valorizzazione. Tali iniziative sostengono, altresì, lo sviluppo della creatività e la conoscenza delle tecniche, tramite un'ampia varietà di forme artistiche, tra cui la musica, la danza, le arti dello spettacolo, le arti visive, l'artigianato artistico, il design e le produzioni creative italiane di qualità, sia nelle forme tradizionali che in quelle innovative.

Tipologie delle proposte progettuali

Le istituzioni scolastiche del primo e del secondo ciclo di istruzione e le loro reti possono candidarsi per sviluppare proposte progettuali relative alle seguenti misure ed azioni:

Misura e) promozione della partecipazione delle alunne e degli alunni e delle studentesse e degli studenti a percorsi di conoscenza del patrimonio culturale e ambientale dell'Italia e delle opere di ingegno di qualità del Made in Italy.

Azioni specifiche:

- conoscenza e comprensione degli aspetti e dei fenomeni più significativi riguardanti il paesaggio, con particolare riferimento alla storia della nozione di paesaggio, alla storia dell'arte e dell'architettura, agli strumenti della conoscenza e della pianificazione come tutela e disciplina del territorio e della sua bellezza, della biodiversità e dello sviluppo sostenibile;

- costruzione di percorsi di conoscenza e di valorizzazione del patrimonio culturale territoriale attraverso l'organizzazione di visite, spettacoli e installazioni in piazze, monumenti, teatri e altri siti;

- ricerca, studio e valorizzazione, anche in chiave multimediale, delle arti e delle tradizioni popolari;

- ricerca, studio e valorizzazione delle arti e delle tradizioni popolari nonché di tecniche di produzione artigianale e/o enogastronomica locale, sostenuti da esperienze dirette di lavorazione dei materiali e produzione di artefatti, basate sull'utilizzo di tecnologie innovative quali, ad esempio, fablab, modellazione e stampa 3D, multimedialità, realtà aumentata.

Misura f) potenziamento delle competenze pratiche e storico-critiche, relative alla musica, alle arti, al patrimonio culturale, al cinema, alle tecniche e ai media di produzione e di diffusione delle immagini e dei suoni.

Azioni specifiche:

- attivazione di percorsi laboratoriali, anche interartistici, per la creazione, la realizzazione e la messa in scena di opere originali;

- realizzazione di prodotti audiovisivi e multimediali a partire dalla conoscenza e dall'approfondimento storico-critico del patrimonio fotografico e cinematografico;

- realizzazione di contenuti digitali, quali, ad esempio, video, podcast, siti web, app, blog, vlog, basati sulla conoscenza storico-critica del patrimonio fotografico e cinematografico;

- progettazione di interventi di riqualificazione urbana con azioni creative volte a promuovere e a sviluppare il senso di appartenenza ai luoghi, anche attraverso l'attivazione di laboratori intergenerazionali dedicati ai temi della memoria come strumento di attivazione di presìdi sociali della cultura;

- realizzazione, a cura degli allievi e/o studenti e con l'eventuale coinvolgimento di esperti, di itinerari e visite delle evidenze e delle testimonianze storiche, storico-artistiche, architettoniche, paesaggistiche e culturali;

- realizzazione di percorsi didattici dedicati all'approfondimento di temi della cultura umanistica anche attraverso l'uso delle tecniche delle digital humanities, debate, scrittura creativa.

Avvisi pubblici degli Uffici scolastici regionali per il finanziamento alle istituzioni scolastiche o loro reti

Le istituzioni scolastiche interessate, anche organizzate in rete, presentano appositi progetti sulla base delle indicazioni contenute negli Avvisi predisposti dagli Uffici scolastici regionali. In detti Avvisi, gli Uffici scolastici regionali riporteranno gli elementi basilari previsti dall'allegato Avviso, con particolare riferimento a:

a) finalità dei progetti (art. 4 dell'Avviso);

b) requisiti e caratteristiche specifiche dei progetti (art. 5 dell'Avviso);

c) criteri e modalità di valutazione dei progetti a livello regionale (art. 6 dell'Avviso);

d) entità dei finanziamenti assegnabili (art. 7 dell'Avviso).

Adempimenti degli Uffici scolastici regionali

Ogni Ufficio scolastico regionale pubblica un apposito Avviso per invitare le istituzioni scolastiche a presentare specifici progetti assegnando un congruo termine, tale comunque da consentire successivamente allo stesso Ufficio scolastico regionale di costituire la commissione esaminatrice, di valutare i progetti, di individuare le scuole o le reti prescelte.

Al fine di consentire il regolare svolgimento delle successive attività istruttorie a carico di questa Direzione generale, si invitano gli Uffici scolastici regionali a produrre, in una cartella in formato zip, entro il 20 luglio 2018, la seguente documentazione:

- Allegato 2 (prospetto da compilarsi a cura degli UUSSRR) in formato excel, debitamente compilato, relativo all'elenco delle istituzioni scolastiche destinatarie del finanziamento appartenenti al primo ciclo, suddiviso in due fogli, ciascuno corrispondente al finanziamento della specifica misura (nel caso in cui il beneficiario del finanziamento sia una rete di scuole, indicare esclusivamente il nome dell'istituzione scolastica capofila);

- Allegato 3 (prospetto da compilarsi a cura degli UUSSRR) in formato excel, debitamente compilato, relativo all'elenco delle istituzioni scolastiche destinatarie del finanziamento appartenenti al secondo ciclo, suddiviso in due fogli, ciascuno corrispondente al finanziamento della specifica misura (nel caso in cui il beneficiario del finanziamento sia una rete di scuole, indicare esclusivamente il nome dell'istituzione scolastica capofila);

- Avviso regionale per la presentazione dei progetti;

- Decreto di individuazione dei beneficiari.

Tutta la documentazione deve essere inoltrata, indicando nell'oggetto dell'e-mail: "Avviso Piano delle arti - Nome della regione (es. Abruzzo)" al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: dgosv@postacert.istruzione.it

Si confida nella consueta, fattiva collaborazione.

 

Ricerca norme mediante:


Inserire alcuni estremi del documento e fare click su cerca. Verranno forniti un massimo di 150 risultati.

Data:

Inserire i termini da cercare e fare click su cerca

e o frase

Selezionare la voce su cui effettuare la ricerca e fare click su cerca

Carta del Docente