Tu sei qui: Home Legislazione e dottrina Indice cronologico 2017 ottobre Lettera INVALSI 06.10.2017
Lettera INVALSI 06.10.2017 Legislazione e dottrina    

Lettera INVALSI 06.10.2017

Avvio procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l'anno scolastico 2017-18 (prove Invalsi 2018), in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs. 62/2017, dalla legge 107/2015 e dal D.P.R. 80/2013.

Gentile Dirigente scolastico,

le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l'anno scolastico 2017-18 (prove Invalsi 2018), in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs. 62/2017, dalla legge 107/2015 e dal D.P.R. 80/2013.

Il D.Lgs. 62/2017, seguito dai due Decreti Ministeriali attuativi - i DD.MM. n. 741 e n. 742 (con allegati), entrambi del 3 ottobre 2017 - introduce novità rilevanti sulle prove Invalsi che possono essere riassunte come segue:

1. V primaria: prova d'Inglese (art. 4, c. 4). La prova riguarda le competenze ricettive (comprensione della lettura e dell'ascolto) riferita al livello A1 del QCER (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) in coerenza con le Indicazioni nazionali;

2. III secondaria di primo grado: prove somministrate tramite computer (CBT - computer based testing) di Italiano, Matematica e Inglese (art. 7, c. 1). Più in dettaglio le principali novità delle prove Invalsi 2018 per la III secondaria di primo grado sono le seguenti:

a. lo svolgimento delle prove avviene nel mese di aprile in un arco temporale indicato da Invalsi entro il 28 febbraio 2018. Si tratta di un arco temporale variabile in ragione della dimensione della scuola e del numero di computer collegati alla rete internet in ciascuna istituzione scolastica. All'interno di questo arco temporale la scuola può organizzare la somministrazione a propria discrezione, a eccezione delle classi campione (comunicate dall'Invalsi entro il 28.02.2018) in cui le prove si svolgono secondo un calendario prefissato;

b. le prove si svolgono interamente on line e la piattaforma di somministrazione opera sui principali sistemi operativi;

c. la prova d'Inglese riguarda le competenze ricettive (comprensione della lettura e dell'ascolto) ed è sviluppata in coerenza con le Indicazioni nazionali (art. 7, c. 1) e si riferisce principalmente al livello A2 del QCER;

3. le prove Invalsi e lo svolgimento delle azioni a esse connesse costituiscono attività ordinaria d'istituto (artt. 4, 7 e 19).

Inoltre, anche le prove Invalsi 2018 (Italiano e Matematica) per la II classe della scuola secondaria di secondo grado sono somministrate on line tramite computer.

L'esperienza degli scorsi anni scolastici dimostra che le scuole hanno progressivamente acquisito la consapevolezza che la rilevazione esterna degli apprendimenti degli studenti può costituire uno strumento essenziale di conoscenza per la conduzione e il miglioramento del proprio lavoro. Al fine di rispondere a questa esigenza conoscitiva, l'Invalsi dal mese di settembre ha restituito alle Istituzioni scolastiche i risultati delle prove Invalsi 2017, articolati domanda per domanda, con riferimenti a livello regionale e nazionale e con ulteriori elementi volti ad aiutare le scuole nel processo di autovalutazione. Anche quest'anno le scuole del primo e del secondo ciclo d'istruzione, in una prospettiva di continuità verticale, hanno ricevuto gli esiti longitudinali dei loro studenti (ad esempio, i risultati del 2017 della prova di V primaria degli studenti che tre anni fa frequentavano la II primaria, oppure i risultati del 2017 della prova della terza secondaria di primo grado degli allievi che tre anni fa frequentavano la V primaria). Inoltre, per ogni scuola è stata fornita una misura del cosiddetto "effetto scuola" (o valore aggiunto) che consente di osservare i risultati conseguiti dagli allievi nelle prove Invalsi 2017 corretti per tener conto di fattori che non dipendono dall'azione didattica della scuola come il livello socio-economico delle famiglie e la preparazione che gli alunni avevano prima di entrare a scuola, o in un determinato ordine o grado di scuola. Infine, entro i primi mesi del 2018 per le classi V primaria, III secondaria di primo grado saranno forniti i risultati delle prove Invalsi 2017 in termini di descrizione dei livelli di competenza degli allievi per ciascuno dei 5 livelli di esito da quest'anno, individuati dall'Invalsi.

Queste novità contribuiscono, complessivamente, a evidenziare ancora di più la funzione di servizio alle scuole che l'Istituto mira a perseguire, oltre che fornire dati attendibili sul sistema scolastico in relazione alle prove.

Per la scuola primaria lo svolgimento delle prove Invalsi 2018, che verranno somministrate con i tradizionali fascicoli cartacei, si articolerà secondo il seguente calendario:

• 3 maggio 2018: prova d'Inglese (V primaria);

• 9 maggio 2018: prova di Italiano (II e V primaria) e prova preliminare di lettura (quest'anno, la prova di lettura è svolta solo dalle classi campione della II primaria);

• 11 maggio 2018: prova di Matematica (II e V primaria).

Le prove Invalsi 2018 CBT (classi III secondarie di primo grado e II secondarie di secondo grado) si svolgono al computer, interamente on line e in più sessioni organizzate autonomamente dalle scuole, a eccezione delle classi campione in cui le prove Invalsi 2018 sono somministrate, sempre CBT, in una data precisa indicata da Invalsi, nei primi giorni dell'arco temporale previsto.

Per la scuola secondaria le prove computer based (CBT) si svolgeranno secondo il seguente calendario:

• le classi III della scuola secondaria di primo grado sostengono le prove di Italiano, Matematica e Inglese in un arco di giorni, indicati da Invalsi, tra il 04.04.2018 e il 21.04.2018;

• le classi II della scuola secondaria di secondo grado sostengono le prove di Italiano e Matematica, comprensive anche del questionario studente, in un arco di giorni, indicati da Invalsi, tra il 07.05.2018 e il 19.05.2018.

Le prove CBT costituiscono un forte elemento di innovazione e consentono di fornire alle scuole informazioni più ricche e articolate. Inoltre, esse permettono di eliminare il lavoro di immissione dei dati e di correzione delle domande a risposta aperta, fino all'anno scorso affidati alla collaborazione dei docenti.

Entro il 31.01.2018 l'Invalsi rende disponibile sul proprio sito esempi di prove per la classe V primaria (prova d'Inglese) e di prove CBT per la classe III della scuola secondaria di primo grado (Italiano, Matematica e Inglese) e per la classe II della scuola secondaria di secondo grado (Italiano, Matematica).

Poiché una buona riuscita dell'operazione è legata anche ad aspetti di tipo organizzativo, l'Invalsi predisporrà e renderà disponibile sul sito dell'Istituto il protocollo di somministrazione, i cui tratti essenziali sono sintetizzati nell'Allegato tecnico.

Come negli anni passati, un'attenzione particolare va dedicata al rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. L'art. 1, comma 5, del decreto legge n. 147/2007, convertito con modificazioni dalla legge n. 176/2007, affida all'Invalsi il compito di effettuare le rilevazioni necessarie per la valutazione del valore aggiunto realizzato dalle scuole. A tali fini è necessario considerare il possibile peso dei fattori del contesto socio-economico-culturale e degli atteggiamenti e motivazioni degli studenti medesimi. Le informazioni relative a questi fattori vengono acquisite dall'Invalsi, in forma anonimizzata, con la collaborazione delle scuole: alle segreterie viene richiesto di raccogliere e registrare una serie di informazioni sugli studenti (nazionalità italiana o straniera, livello di istruzione e occupazione dei genitori, orario settimanale della classe frequentata, pregressa frequenza o meno dell'asilo nido e della scuola dell'infanzia); agli studenti delle classi V primaria e II secondaria di secondo grado è richiesto inoltre di compilare un questionario afferente ai seguenti ambiti: contesto familiare, attività dello studente, benessere a scuola, cognizioni riferite al sé, motivazioni e impegno nello studio. È bene distinguere pertanto tra queste informazioni e i risultati sugli apprendimenti relativi ai singoli studenti. Tali risultati, che con le modalità stabilite dalle singole scuole e dai singoli insegnanti possono essere oggetto di analisi e riflessioni di natura didattica, è opportuno che siano associati all'identità del singolo studente a cura delle scuole. Nell'allegato tecnico vengono fornite le prime informazioni essenziali su come garantire la correttezza della raccolta e del trattamento dei dati.

Un'ulteriore garanzia della correttezza nel trattamento dei dati personali è oggi assicurata dall'inserimento dell'Invalsi nel Sistema Statistico Nazionale (SISTAN), stabilito con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 aprile 2016. L'inserimento nel SISTAN garantisce il rispetto dei più elevati standard di sicurezza nel trattamento dei dati e il rigoroso rispetto dei vincoli di legge per il trattamento dei dati.

Entro il 30 novembre 2017 Invalsi invia:

• alle scuole secondarie di primo grado (classi III) una nota specifica relativamente al trattamento dei dati connessi allo svolgimento della prova Invalsi, che costituisce requisito di ammissione all'esame di Stato e una nota tecnica legata agli aspetti informatici e organizzativi per lo svolgimento delle prove Invalsi 2018;

• alle scuole secondarie di secondo grado (classi II) una nota tecnica legata agli aspetti informatici e organizzativi per lo svolgimento delle prove Invalsi 2018.

Come di consueto per dar corso alle procedure connesse con le prove è necessario iscriversi, a partire dalle ore 15.00 del 10 ottobre 2017 ed entro le ore 16.30 del 31 ottobre 2017, seguendo le indicazioni fornite sul sito dell'Invalsi.

Ringraziandola per il tempo che ha voluto dedicarci e per la collaborazione della sua scuola, le invio i miei migliori saluti e auguri per un buon anno scolastico 2017-2018.

 

Allegato tecnico -

Iscrizione delle scuole

La partecipazione alle prove Invalsi 2018 per tutte le classi interessate (II e V primaria, III secondaria di primo grado e II secondaria di secondo grado) prevede come azione iniziale l'iscrizione via web (a partire dalle ore 15.00 del 10.10.2017) sul sito dell'Invalsi (https://invalsi-areaprove.cineca.it/index.php?get=accesso). Mediante l'accesso a questa pagina ciascuna Istituzione scolastica potrà verificare la correttezza dei dati già in possesso dell'Invalsi e modificare eventuali incongruenze rilevate, prestando particolare attenzione a ciascun dato.

Le funzioni relative alle procedure di iscrizione rimarranno aperte dalle ore 15.00 del 10.10.2017 alle ore 16.30 del 31.10.2017, in modo che le scuole abbiano il tempo necessario per fornire i dati richiesti.

In un'ottica di semplificazione, anche quest'anno le operazioni di iscrizione alle prove Invalsi 2018 saranno unificate per tutte le classi interessate dalle prove Invalsi 2018, incluse quelle per la classe III secondaria di primo grado, legate al nuovo esame di Stato secondo quanto previsto dall'art. 7 del D.Lgs. 62/2017. Ciò significa che anche quest'anno nel periodo 10.10.2017 - 31.10.2017 andranno iscritte anche le classi terze della scuola secondaria di primo grado, con la possibilità di apportare in seguito eventuali modifiche dovute all'iscrizione di candidati esterni per l'esame di Stato conclusivo del primo ciclo d'istruzione.

Il modulo di iscrizione richiede informazioni relative alla presenza di aule informatiche per ogni edificio scolastico con l'indicazione per ciascuna di esse del numero di computer funzionanti, collegati a internet e disponibili per gli studenti e l'eventuale articolazione della scuola su più edifici scolastici (ad esempio: sede centrale e succursali). Esse devono essere fornite con estrema cura per consentire un regolare svolgimento delle prove al computer nel mese di aprile 2018 (classi III della scuola secondaria di primo grado) e nel mese di maggio 2018 (classi II della scuola secondaria di secondo grado).

Inserimento dei dati a cura delle segreterie

Le informazioni di contesto, le stesse richieste nelle rilevazioni degli scorsi anni, andranno inviate dalle scuole all'Invalsi secondo il seguente calendario:

• scuola secondaria di primo grado: dall'1.03.2018 al 31.03.2018 trasmissione delle informazioni di contesto;

• scuola primaria e secondaria di secondo grado: dall'1.03.2018 al 27.04.2018 trasmissione delle informazioni di contesto.

Entro il mese di dicembre 2017 sul sito dell'Invalsi sarà reso noto l'elenco delle informazioni di contesto richieste e tutte le istruzioni operative per realizzare, in un'ottica di massima semplificazione, le predette operazioni.

Pubblicazione del materiale di supporto alla prova cartacea

Entro il 20.04.2018 l'Invalsi renderà disponibile il materiale di supporto (manuale per il controllo dei materiali, protocollo di somministrazione, manuale del somministratore).

Invio e controllo dei materiali per la somministrazione

Entro il 20.04.2018 le scuole primarie riceveranno le prove da somministrare e, entro una data fissata dall'Invalsi, dovranno segnalare l'eventuale mancanza di materiali per effettuare le necessarie integrazioni.

Calendario delle rilevazioni

Le prove si svolgeranno secondo il seguente calendario:

• 3 maggio 2018: prova d'Inglese (V primaria);

• 9 maggio 2018: prova di Italiano (II e V primaria) e prova di lettura (solo per le classi campione della II primaria);

• 11 maggio 2018: prova di Matematica (II e V primaria);

• in un arco di giorni indicati da Invalsi, le classi III della scuola secondaria di primo grado sostengono le prove di Italiano, Matematica e Inglese dal 04.04.2018 al 21.04.2018;

• in un arco di giorni indicati da Invalsi, le classi II della scuola secondaria di secondo grado sostengono le prove di Italiano e Matematica, comprensive anche del questionario studente, dal 07.05.2018 al 19.05.2018

Classi campione - scuola primaria

Anche per la rilevazione del 2018 l'Invalsi individuerà un campione rappresentativo a livello regionale di scuole presso le quali saranno inviati osservatori esterni, che provvederanno anche a riportare gli esiti delle prove su un apposito supporto elettronico. In ogni scuola facente parte del campione saranno estratte, in genere, due classi, mentre per le scuole campione di piccole dimensioni sarà estratta una sola classe. Ogni scuola potrà verificare entro il 20.04.2018, sul sito dell'Invalsi se è stata individuata come scuola.

Classi campione - scuola secondaria di primo e secondo grado

Anche per le prove Invalsi 2018 CBT sarà individuato un campione rappresentativo a livello regionale di scuole presso le quali saranno inviati osservatori esterni. La somministrazione elettronica (CBT) richiede un cambiamento nelle modalità di campionamento delle classi interessate. Nelle classi campione lo svolgimento delle prove avverrà in un giorno preciso indicato dall'Invalsi compreso tra il 9.4.18 e il 12.4.18 per le classi III della scuola secondaria di primo grado e tra il 7.5.18 e il 10.5.18 per le classi II della scuola secondaria di secondo grado.

In ogni scuola facente parte del campione saranno estratte, in genere, due classi, mentre per le scuole campione di piccole dimensioni sarà estratta una sola classe. Per le classi III della scuola secondaria di primo grado ogni scuola potrà verificare, entro il 9.3.2018, sul sito dell'Invalsi, se è stata individuata come scuola campione mentre per le classi II della scuola secondaria di secondo grado entro il 30.3.2018.

Classi non campione

Per quanto riguarda le classi non campione della scuola primaria la registrazione delle risposte degli studenti su apposito supporto elettronico avverrà a cura delle scuole. Le scuole provvederanno poi a trasmettere i dati inseriti all'Invalsi, esclusivamente per via elettronica. Le tempistiche e le modalità tecniche di invio verranno comunicate in tempo utile prima della rilevazione.

Per le classi non campione della scuola secondaria di primo e secondo grado non è prevista alcuna operazione di correzione e registrazione delle risposte da parte della scuola.

FAQ

L'Invalsi metterà a disposizione delle scuole un servizio di supporto (FAQ, assistenza via e-mail e telefonica) per seguire ciascuna Istituzione scolastica in tutte le fasi della rilevazione 2018.

Prove suppletive - per la classe III della scuola secondaria di primo grado

In accordo con il Miur, l'Invalsi invia entro il 28.02.2018 una nota specifica sulla prova suppletiva per gli alunni assenti durante lo svolgimento delle prove ordinarie e in possesso dei requisiti di legge per potere sostenere la predetta prova suppletiva.

Esempi di prove (relativamente alle novità introdotte dal D.Lgs. 62/2017)

Entro il 31.01.2018 l'Invalsi rende disponibile sul proprio sito esempi di prove d'Inglese per la classe V primaria e di prove CBT per la classe III della scuola secondaria di primo grado (Italiano, Matematica e Inglese) e per la classe II della scuola secondaria di secondo grado (Italiano, Matematica). In tal modo gli studenti avranno la possibilità di effettuare delle simulazioni delle prove.

Protezione dei dati personali

I dati che l'Invalsi raccoglie a fini di ricerca e statistici, in forma anonimizzata tramite le scuole, sono necessari per elaborare l'indice di contesto socio-economico-culturale e per il calcolo del valore aggiunto, come stabilito dall'art. 1, comma 5, del decreto legge n. 147/2007, convertito con modificazioni dalla legge n. 176/2007.

Mediante il Modulo per la trasmissione delle informazioni di contesto, compilato elettronicamente a cura della segreteria, vengono raccolte informazioni sugli studenti circa l'eventuale origine straniera, il livello di istruzione e occupazione dei genitori, oltre all'orario settimanale della classe frequentata e alla frequenza o meno dell'asilo nido e della scuola dell'infanzia. Mediante il Questionario studente, vengono invece raccolte informazioni riguardanti le seguenti aree: informazioni personali, abilità e strategie cognitive e metacognitive connesse allo studio, cognizioni riferite al sé, motivazione e impegno nello studio, benessere a scuola, profilo delle attività dello studente, ambiente familiare.

L'Invalsi riceve tali informazioni in forma completamente anonimizzata, dal momento che sono contrassegnate da un codice numerico che viene fornito dall'Invalsi alle Istituzioni scolastiche in base al numero degli alunni di ciascuna sezione precedentemente comunicato dalle scuole stesse. La chiave di unione tra i predetti codici e i nominativi degli studenti è conosciuta solo dagli operatori delle Istituzioni scolastiche che a vario titolo svolgono attività connesse alla rilevazione. Presso l'Invalsi non esiste invece alcuna chiave di collegamento tra i codici alfanumerici e i nominativi degli studenti, e pertanto l'Istituto non è in alcun modo in grado di risalire all'identità degli studenti e dei loro genitori, fatto salvo quanto previsto dal D.Lgs. 62/2017.

A livello di singola scuola è comunque necessario:

- designare il personale di segreteria e il personale incaricato della somministrazione, dell'imputazione e della trasmissione via web dei dati quale incaricato del trattamento dei dati personali; a tal fine l'Invalsi fornirà un apposito modulo da consegnare agli interessati;

- informare il predetto personale che i dati dovranno essere utilizzati esclusivamente per lo scopo dichiarato, ossia l'invio all'Invalsi ai fini dell'attività di ricerca, e non potranno essere utilizzati per nessun altro scopo;

- aver cura di raccogliere eventuali dati personali non disponibili nei database della scuola in modo tale da garantire il rispetto della privacy.

Infine occorre fornire alle famiglie interessate l'informativa prevista dal D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali. Come negli scorsi anni l'Invalsi pubblicherà tempestivamente sul proprio sito la suddetta informativa. Poiché non è materialmente possibile per l'Istituto inviare singolarmente l'informativa a tutti i destinatari della rilevazione (oltre due milioni di studenti) si chiede alle scuole di pubblicare l'informativa sul proprio sito e di darne massima diffusione possibile, in modo che tutti gli interessati siano correttamente informati circa le finalità della raccolta e le modalità di trattamento dei dati.

Entro il 30.11.2017 l'Invalsi invia alle scuole secondarie di primo grado (classi III) una nota specifica relativamente al trattamento dei dati connessi allo svolgimento della prova Invalsi 2018, collegata allo svolgimento dell'esame di Stato conclusivo del primo ciclo d'istruzione.

Ricerca norme mediante:


Inserire alcuni estremi del documento e fare click su cerca. Verranno forniti un massimo di 150 risultati.

Data:

Inserire i termini da cercare e fare click su cerca

e o frase

Selezionare la voce su cui effettuare la ricerca e fare click su cerca

Carta del Docente