Tu sei qui: Home Legislazione e dottrina Indice cronologico 2017 novembre Nota MIUR 08.11.2017, prot. n. 47777
Nota MIUR 08.11.2017, prot. n. 47777 Legislazione e dottrina    

Nota MIUR 08.11.2017, prot. n. 47777

Indicazioni e ripartizione fondi per le iniziative formative relative alla II annualità Piano di formazione docenti, nonché per la formazione docenti neoassunti a.s. 2017-2018 e la formazione sui temi dell'Inclusione a.s. 2017-2018.

1. Introduzione

L'analisi ed il monitoraggio delle attività formative svolte nel corso della prima annualità di vigenza del Piano Nazionale per la Formazione dei Docenti (PNFD), offrono elementi informativi utili ad uno sviluppo più efficace e coerente delle iniziative formative a partire da questo secondo anno di programmazione. In particolare, in sede di riprogettazione degli interventi si segnala l'opportunità di attribuire grande importanza ai seguenti obiettivi:

- operare perché i bisogni formativi espressi dalle scuole (singole o associate in reti di scopo) trovino il giusto spazio nelle sintesi costruite a livello di ambito;

- operare perché i bisogni formativi espressi dalle scuole comprendano per quanto possibile anche i bisogni formativi dei singoli docenti, secondo le specificità disciplinari o di area e le funzioni svolte nella scuola;

- favorire il ricorso ad attività di ricerca didattica e formazione sul campo incentrate sull'osservazione, la riflessione, il confronto sulle pratiche didattiche e i loro risultati nei contesti specifici anche con riferimento a documentate esperienze innovative di successo, contenendo, per quanto possibile, trattazioni astratte e modelli formativi che privilegino la modalità della lezione frontale;

- coinvolgere, in modo più incisivo, le strutture universitarie, le associazioni professionali, gli enti e i soggetti qualificati/accreditati, per arricchire la qualità culturale, scientifica, metodologica delle attività formative.

Per alimentare l'aderenza ai bisogni e la qualità dell'offerta formativa, appare necessario favorire una progettualità temporale più estesa, in un'ottica pluriennale, contribuendo a rafforzare l'attuale sistema di governance (scuole, ambiti, USR, MIUR).

2. L'incontro delle priorità nazionali con la progettazione territoriale

La programmazione delle iniziative per il corrente anno scolastico dovrà tenere conto, come di consueto, delle priorità nazionali, da interpretare come assi strategici per lo sviluppo del sistema educativo, da mettere in stretta connessione con le innovazioni previste dalla legge 107/2015 e con i relativi decreti legislativi di attuazione. In particolare in ogni ambito territoriale dovranno essere assicurate iniziative formative relative a:

- il tema delle competenze e delle connesse didattiche innovative, anche sulla base degli orientamenti operativi e progettuali che saranno forniti dal comitato scientifico nazionale operante, a livello nazionale, per il primo ciclo (D.M. n. 537 del 1/08/2017);

- il tema della valutazione degli apprendimenti, in fase di revisione normativa a seguito del d.lgs 62/2017 e dei D.M. n. 741 e n. 742 del 2017, con particolare riferimento ai temi della valutazione formativa, del nuovo ruolo delle prove Invalsi, della certificazione delle competenze e dei nuovi esami di stato, anche sulla base degli orientamento forniti dal MIUR;

- il tema dell'alternanza scuola-lavoro da indirizzare anche in relazione agli esiti delle azioni di monitoraggio qualitativo;

- il tema dell'autonomia organizzativa e didattica, con particolare riferimento alle connessioni con l'evoluzione dei PTOF, il migliore utilizzo, da parte delle istituzioni scolastiche, dell'organico di potenziamento, l'attivazione di modelli organizzativi flessibili.

Inoltre, per quanto riguarda l'area delle lingue straniere, le iniziative dovranno tener conto dello (e non sovrapporsi allo) sviluppo dei percorsi metodologici CLIL per la scuola secondaria di II grado, secondo quanto previsto dal D.M. 851/2017 relativo alla gestione dei fondi per l'anno 2017 della Legge n. 440/1997. Ci si riserva di emanare ulteriori istruzioni affinché i percorsi che potranno essere adottati a livello locale tengano conto degli obiettivi di sistema previsti dal Piano di formazione 2016-2019 quali, ad esempio, l'attivazione di percorsi sperimentali CLIL nel primo ciclo, il completamento e rafforzamento della formazione linguistica per i docenti della scuola primaria, le connessioni con le nuove modalità di rilevazione degli apprendimenti predisposti dall'Invalsi (D.M. n. 741/2017). Alle azioni sulle lingue dovrà essere riservata una quota delle risorse disponibili a livello di ciascun ambito territoriale, in funzione dei bisogni territoriali.

Inoltre, avendo cura di razionalizzare gli interventi a livello di ambito, si ritiene opportuno segnalare l'esigenza di affrontare, fra l'altro, i temi della:

- integrazione multiculturale e cittadinanza globale, anche in connessione con i temi della sostenibilità di cui all'Agenda 2030;

- inclusione e disabilità, per una preliminare conoscenza delle innovazioni previste dal D.lgs. n. 66/2017 (coinvolgendo figure sensibili e di coordinamento e destinando interventi prioritari a docenti di sostegno sforniti dei prescritti titoli di specializzazione);

- insuccesso scolastico e contrasto alla dispersione, anche in connessione con le iniziative promosse dall'apposito Osservatorio nazionale contro la dispersione e relative linee progettuali e finanziarie;

- l'approfondimento di aspetti relativi alla cultura artistica e musicale, in relazione alle innovazioni previste dagli artt.8-9 del D.lgs. 60/2017 (attivando almeno un laboratorio formativo in ogni ambito territoriale).

Infine si ritiene importante che in ogni ambito territoriale siano realizzate almeno due iniziative formative rivolte ai docenti di scuola dell'infanzia statale, aperte anche a docenti ed educatori di altri comparti educativi, sui temi della cultura dell'infanzia, in connessione con il d.lgs. n. 65/2017: una rivolta a consolidare le pratiche educative e didattiche in una logica di continuità educativa, l'altra a sviluppare competenze pedagogiche ed organizzative in vista dell'assunzione di compiti di coordinamento pedagogico. Per questa nuova priorità si raccomanda la costruzione di progetti condivisi, anche sotto il profilo finanziario, con le Regioni, gli Enti locali, il sistema paritario e il terzo settore.

3. Azioni di monitoraggio e sostegno alla qualità

È intenzione di questa Direzione generale di procedere ad un'azione di monitoraggio circa gli sviluppi del Piano di formazione docenti 2016-2019 ed il rispetto degli standard di qualità per esso previsti. Già la piattaforma SOFIA, con le sue funzionalità in fase d'implementazione, consente di disporre ai vari livelli di un quadro ampio di informazioni, utili a cogliere le tendenze in atto, i bisogni formativi ricorrenti, l'apporto dei diversi soggetti alla governance dell'offerta. A tal fine si raccomanda nuovamente alle istituzioni scolastiche e alle articolazioni territoriali dell'Amministrazione scolastica che è necessario inserire nella piattaforma SOFIA le iniziative formative del suddetto Piano, in modo da rendere più organica ed esaustiva la conoscenza delle iniziative in atto.

Contestualmente sarà avviato un monitoraggio qualitativo che preveda, con la collaborazione degli staff regionali per la formazione, operanti presso ogni USR, l'analisi approfondita delle dinamiche formative messe in atto in almeno tre ambiti territoriali per ogni regione. L'azione di monitoraggio interno prevede il contatto diretto con i responsabili della progettazione di ambito, l'incontro con i dirigenti del territorio, un focus con rappresentanze degli insegnanti e dei formatori.

Si coglie l'occasione per segnalare che, con D.D.G. N. 941 del 21/09/2017, questa Direzione Generale ha istituito tre gruppi di lavoro con rappresentanti delle fondazioni Astrid, Agnelli e Compagnia San Paolo e con dirigenti ispettori, dirigenti scolastici, docenti, professori universitari ed esperti di formazione.

I gruppi di lavoro citati hanno il compito di fornire all'amministrazione centrale proposte, suggerimenti, adozione di provvedimenti in merito agli aspetti più qualificanti del nuovo sistema della formazione in servizio:

a) standard di qualità delle iniziative formative (unità formative, crediti, formatori, governance, aspetti amministrativi);

b) standard professionali dei docenti e connessioni con la formazione e lo sviluppo professionale;

c) documentazione a corredo della formazione in servizio (dossier professionale, bilancio di competenze, patto per lo sviluppo professionale).

I primi esiti dei lavori saranno resi noti in occasione di incontri con i referenti delle scuole polo per la formazione che sono in fase di programmazione per il prossimo mese di dicembre e che consentiranno di mettere a fuoco l'andamento delle azioni formative, il rilancio dei percorsi per l'anno di formazione, le connessioni con i decreti legislativi e le priorità di sistema.

4. Ripartizione dei fondi della formazione d'ambito del Piano triennale di formazione (Allegata tabella n. 1)

La ripartizione dei fondi di cui alla tabella in allegato n. 1, è effettuata proporzionalmente in base al numero dei docenti di ruolo in servizio in ogni regione. L'assegnazione dei fondi avverrà direttamente alle scuole-polo per la formazione. Tale finanziamento è comprensivo anche dei fondi (1%) da destinarsi a misure regionali di coordinamento, incontri, conferenze di servizio, monitoraggio e supporto, e verrà attribuito alla scuola-polo del capoluogo di regione.

5. Indicazioni specifiche per la formazione neoassunti docenti a.s. 2017-2018 e ripartizione delle risorse finanziarie (Allegata tabella n. 2)

La circolare n. 33989 del 2/8/2017 di questa Direzione generale, alla quale occorre far riferimento per la formazione dei neoassunti docenti a.s. 2017-2018, nel confermare il modello consolidato definito dal D.M. 850/2015, introduce due elementi innovativi che si riferiscono rispettivamente a:

- l'inserimento, tra i nuclei fondamentali dei laboratori formativi, del tema dello sviluppo sostenibile, come questione di rilevanza sociale ed educativa;

- la possibilità di dedicare una parte del monte-ore previsto per i laboratori formativi a visite di studio da parte dei docenti neoassunti, a scuole caratterizzate da progetti con forti elementi di innovazione.

La ripartizione dei fondi di cui alla tabella n. 2 in allegato è effettuata in proporzione al numero dei docenti neoassunti, nell'anno scolastico 2017-2018, in servizio in ogni regione. L'assegnazione dei fondi avverrà direttamente alle scuole-polo per la formazione. Tale finanziamento è comprensivo anche dei fondi (5%) da destinarsi a misure regionali di coordinamento, incontri riservati ai tutor, conferenze di servizio, monitoraggio e supporto e verrà attribuito alla scuola-polo del capoluogo di regione.

6. Indicazioni specifiche per la formazione sui temi dell'inclusione e assegnazione fondi nazionali per l'inclusione (Tabella allegata n. 3)

Per ciò che concerne le caratteristiche delle azioni formative sui temi dell'inclusione (destinatari, modello formativo, organizzazione, soggetti erogatori) è possibile far riferimento a quanto già definito nella nota circolare n. 32839 del 3/11/2016, avendo cura, fra l'altro, di programmare iniziative formative sulla base dei bisogni d'ambito rilevati.

Le iniziative, anche alla luce delle innovazioni introdotte con il D.lgs. 66/2017, potranno prevedere una parte generale comune relativa alla certificazione, diagnosi funzionale, profilo dinamico funzionale (nella prospettiva della loro evoluzione) e una parte specifica relativa al PEI e alla progettazione didattica, differenziandola per i diversi ordini e gradi di istruzione. Fermo restando che ciascun percorso formativo dovrà essere realizzato per un massimo di 40 corsisti, è possibile, senza ulteriori oneri per la finanza pubblica e dando comunque la priorità agli insegnanti di ruolo, far partecipare anche insegnanti a tempo determinato non specializzati, che siano stati assegnati su posto di sostegno. Inoltre si sottolinea l'importanza di far partecipare anche i docenti curricolari, al fine di garantire una conoscenza condivisa delle tematiche relative ai progetti inclusivi dei singoli alunni. Saranno oggetto di approfondimento anche le modalità per il migliore coinvolgimento dei genitori degli alunni disabili, dei docenti specializzati e di tutti i docenti nei percorsi di integrazione.

La ripartizione dei fondi di cui alla tabella in allegato n. 3, è effettuata sulla base delle percentuali del numero dei docenti di ruolo in servizio in ogni regione. L'assegnazione dei fondi avverrà direttamente alle scuole-polo per la formazione. Tale finanziamento è comprensivo anche dei fondi (3%) da destinarsi a misure regionali di coordinamento, incontri, conferenze di servizio, monitoraggio e supporto, e verrà attribuito alla scuola-polo del capoluogo di regione.

7. Le procedure di rendicontazione

Si ricorda che per procedere all'erogazione del saldo del 50% del finanziamento assegnato, le scuole polo per la formazione, assegnatarie delle risorse finanziarie, con il coordinamento dell'Ufficio scolastico regionale competente, dovranno inviare all'Ufficio VI di questa Direzione generale (all'indirizzo formazione.scuola@istruzione.it) la relazione sul regolare svolgimento dei corsi e conclusione delle attività e la specifica rendicontazione amministrativo contabile (utilizzando allo scopo la medesima modulistica allegata al DM 435/2015). La documentazione sarà trasmessa in plico unico dall'Ufficio scolastico regionale.

È in corso una analisi per la semplificazione delle modalità di rendicontazione, anche attraverso l'uso di procedure informatizzate. Pertanto, eventuali differenti modalità di rendicontazione potranno essere comunicate agli Uffici scolastici regionali, dall'Ufficio VI di questa Direzione generale, entro il mese di maggio 2018.

Si richiama l'attenzione delle S.S.L.L. sulla necessità che le attività formative, organizzate sulla base della presente nota, siano svolte e rendicontate entro l'a.s.2017-2018 e comunque non oltre il 30 novembre 2018.

Si ringrazia per la consueta collaborazione.

 

Allegato 1 - Piano Triennale Formazione Docenti a.s. 2017/2018

Docenti di ruolo in servizio Distribuzione fondi
Regione n. totale Totale fondi per la formazione Quota regionale 1 % (Tot. Fondi)
Abruzzo 18.276 euro 731.537,00 euro 724.222,00 euro 7.315,00
Basilicata 9.363 euro 374.775,00 euro 371.028,00 euro 3.747,00
Calabria 32.208 euro 1.289.196,00 euro 1.276.305,00 euro 12.891,00
Campania 93.617 euro 3.747.226,00 euro 3.709.754,00 euro 37.472,00
Emilia Romagna 47.635 euro 1.906.695,00 euro 1.887.629,00 euro 19.066,00
Friuli Venezia Giulia 14.287 euro 571.869,00 euro 566.151,00 euro 5.718,00
Lazio 68.634 euro 2.747.227,00 euro 2.719.755,00 euro 27.472,00
Liguria 16.218 euro 649.161,00 euro 642.670,00 euro 6.491,00
Lombardia 101.609 euro 4.067.123,00 euro 4.026.452,00 euro 40.671,00
Marche 20.314 euro 813.112,00 euro 804.981,00 euro 8.131,00
Molise 4.717 euro 188.808,00 euro 186.920,00 euro 1.888,00
Piemonte 48.329 euro 1.934.474,00 euro 1.915.130,00 euro 19.344,00
Puglia 58.626 euro 2.346.634,00 euro 2.323.168,00 euro 23.466,00
Sardegna 22.132 euro 885.882,00 euro 877.024,00 euro 8.858,00
Sicilia 76.336 euro 3.055.516,00 euro 3.024.961,00 euro 30.555,00
Toscana 43.241 euro 1.730.816,00 euro 1.713.508,00 euro 17.308,00
Umbria 11.543 euro 462.034,00 euro 457.414,00 euro 4.620,00
Veneto 53.394 euro 2.137.212,00 euro 2.115.840,00 euro 21.372,00
Totale 740.479 euro 29.639.297,00 euro 29.342.912,00 euro 296.385,00

Allegato 2 - Formazione Docenti Neoassunti a.s. 2017/2018

Docenti in formazione Distribuzione fondi
Regione n. totale Totale fondi per la formazione Quota regionale 5 % (Tot. Fondi)
Abruzzo 859 euro 40.373,00 euro 38.355,00 euro 2.018,00
Basilicata 472 euro 22.184,00 euro 21.076,00 euro 1.108,00
Calabria 1.237 euro 58.139,00 euro 55.233,00 euro 2.906,00
Campania 3.801 euro 178.647,00 euro 169.716,00 euro 8.931,00
Emilia Romagna 2.758 euro 129.626,00 euro 123.146,00 euro 6.480,00
Friuli Venezia Giulia 986 euro 46.342,00 euro 44.026,00 euro 2.316,00
Lazio 3.224 euro 151.528,00 euro 143.953,00 euro 7.575,00
Liguria 720 euro 33.840,00 euro 32.149,00 euro 1.691,00
Lombardia 5.192 euro 244.024,00 euro 231.824,00 euro 12.200,00
Marche 965 euro 45.355,00 euro 43.088,00 euro 2.267,00
Molise 196 euro 9.212,00 euro 8.753,00 euro 459,00
Piemonte 2.192 euro 103.024,00 euro 97.874,00 euro 5.150,00
Puglia 1.963 euro 92.261,00 euro 87.649,00 euro 4.612,00
Sardegna 776 euro 36.472,00 euro 34.650,00 euro 1.822,00
Sicilia 2.309 euro 108.523,00 euro 103.098,00 euro 5.425,00
Toscana 2.075 euro 97.525,00 euro 92.650,00 euro 4.875,00
Umbria 507 euro 23.829,00 euro 22.639,00 euro 1.190,00
Veneto 3.998 euro 187.906,00 euro 178.512,00 euro 9.394,00
Totale 34.230 euro 1.608.810,00 euro 1.528.391,00 euro 80.419,00

Allegato 3 - Formazione Docenti specializzati sul sostegno a.s. 2017/2018

Regione Docenti di ruolo in servizio sul sostegno % Totale fondi per la formazione Quota regionale 3% (Tot. Fondi)
Abruzzo 3% euro 29.409,00 euro 28.527,00 euro 882,00
Basilicata 1% euro 12.627,00 euro 12.249,00 euro 378,00
Calabria 5% euro 50.413,00 euro 48.901,00 euro 1.512,00
Campania 17% euro 168.117,00 euro 163.074,00 euro 5.043,00
Emilia Romagna 5% euro 51.475,00 euro 49.931,00 euro 1.544,00
Friuli Venezia Giulia 1% euro 12.925,00 euro 12.538,00 euro 387,00
Lazio 9% euro 91.247,00 euro 88.510,00 euro 2.737,00
Liguria 2% euro 18.325,00 euro 17.776,00 euro 549,00
Lombardia 9% euro 88.559,00 euro 85.903,00 euro 2.656,00
Marche 3% euro 29.643,00 euro 28.754,00 euro 889,00
Molise 1% euro 8.333,00 euro 8.084,00 euro 249,00
Piemonte 5% euro 47.149,00 euro 45.735,00 euro 1.414,00
Puglia 10% euro 100.664,00 euro 97.645,00 euro 3.019,00
Sardegna 3% euro 27.603,00 euro 26.775,00 euro 828,00
Sicilia 14% euro 136.325,00 euro 132.236,00 euro 4.089,00
Toscana 4% euro 43.567,00 euro 42.260,00 euro 1.307,00
Umbria 1% euro 13.287,00 euro 12.889,00 euro 398,00
Veneto 5% euro 47.005,00 euro 45.595,00 euro 1.410,00
Totale euro 976.673,00 euro 947.382,00 euro 29.291,00

Ricerca norme mediante:


Inserire alcuni estremi del documento e fare click su cerca. Verranno forniti un massimo di 150 risultati.

Data:

Inserire i termini da cercare e fare click su cerca

e o frase

Selezionare la voce su cui effettuare la ricerca e fare click su cerca

Carta del Docente