Tu sei qui: Home News 2017 maggio Consumazione del pasto domestico a scuola
Consumazione del pasto domestico a scuola News    

Consumazione del pasto domestico a scuola

Dopo le sentenze che hanno riconosciuto il diritto di consumare il pasto preparato in ambito domestico negli stessi locali destinati alla refezione scolastica, il Miur ha pubblicato una nota con apposite istruzioni. Sarà inoltre predisposto presso il Ministero della Salute un tavolo tecnico per l'aggiornamento delle Linee guida sulla ristorazione scolastica.

A partire giugno 2016 alcune pronunce giurisprudenziali hanno riconosciuto alle famiglie il diritto di usufruire in modo parziale del tempo mensa attraverso la consumazione, negli stessi locali destinati alla refezione scolastica, del pasto preparato in ambito domestico in alternativa al servizio mensa erogato dalla scuola.

Nelle more della definizione dei relativi giudizi, il Miur ha avviato un confronto tra tutti i soggetti istituzionali coinvolti, al fine di individuare possibili linee di condotta uniformi su tutto il territorio nazionale.

La nota 3 marzo 2017, prot. n. 348 segnala che presso il Ministero della Salute è in via di costituzione un tavolo tecnico che dovrà procedere all'aggiornamento delle Linee guida sulla ristorazione scolastica, che potranno fornire supporto alle scuole e agli enti locali per le scelte organizzative e gestionali relative a tale servizio.

Le istituzioni scolastiche valuteranno le soluzioni idonee a garantire la fruizione del c.d. pasto domestico e l'erogazione del sevizio mensa, assicurando la tutela delle condizioni igienico-sanitarie e il diritto alla salute. In particolare si dovrà riservare ogni attenzione nell’attivare procedure atte ad evitare possibilità di scambio di alimenti. L'indicazione è quella di adottare, in presenza di alunni o studenti ammessi a consumare cibi preparati da casa, precauzioni analoghe a quelle adottate nell’ipotesi di somministrazione dei c.d. pasti speciali. Nell’ambito dell'organizzazione di tali procedure, le istituzioni scolastiche potranno richiedere supporto al Servizio di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione attivo presso la ASL competente per territorio.

    09/05/2017 10:58